Scade il 31 dicembre il “Bonus assunzioni 2020”

Il 31 dicembre 2020 scade il termine concesso a imprese, studi professionali ed anche per le assunzioni a termine o con contratto stagionale nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, per effettuare nuove assunzioni stabili o per procedere alla stabilizzazione dei contratti in essere al fine di beneficiare dell’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali previsto dal cd “decreto Agosto” (reso operativo dall’INPS solo a partire dallo scorso mese di novembre).

I datori di lavoro, dopo aver effettuato l’assunzione (o la trasformazione del rapporto precario), dovranno quindi inviare la domanda di ammissione all’esonero all’INPS.

L’esonero contributivo di cui agli articoli 6 e 7 del decreto Agosto è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro fino ad un importo massimo di 8.060,00 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per un valore pari a 671,66 euro (€ 8.060,00/12):

  • per un massimo di 6 mensilità a partire dalla data di assunzione/trasformazione a tempo indeterminato;
  • per la durata del rapporto, fino ad un massimo di 3 mensilitĂ , per i rapporti a tempo determinato o con contratto di lavoro stagionale nei settori del turismo e degli stabilimenti termali.

Il datore di lavoro interessato deve inoltrare all’INPS una domanda di ammissione all’agevolazione avvalendosi esclusivamente del modulo di istanza on-line “DL104-ES” disponibile sul sito internet www.inps.it, nella sezione denominata “Portale delle Agevolazioni (ex DiResCo)”.

Per maggiori informazioni si invita a consultare i link inseriti nel testo.

Storytelling: “Sulle ali della Camera: dove il talento è di casa”

Premiato nella sezione “olympic spirit – olimpic value Trofeo Candido Cannavò” di “Sport Movies&Tv 2020 – 38th Milano international Ficts Fest” del “World Ficts Challenge” Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva, questo video rappresenta un progetto di promozione e rilancio  sul quale la Camera di commercio Treviso – Belluno ha iniziato a lavorare giĂ  durante il primo lockdown. L’ispirazione è venuta dai giochi olimpici e paralimpici di Cortina 2026.

Il Progetto video (del quale la partecipata Treviso Film Commission e la società Zeta group hanno curato la realizzazione artistica) si è quindi strutturato, attorno a questo grande evento, in forma di storytelling: gli scarponi da sci prodotti da un’ eccellenza nel trevigiano, la Tecnica Group, vengono ordinati online tramite l’innovativa piattaforma digitale “Piazza Italia” della Camera di Commercio italo – Americana di New York, arrivando direttamente a Tokyo, grazie alla Camera di Commercio italiana in Giappone. La Germania maggiore partner commerciale con la Camera di Commercio di Francoforte, si sta già relazionando con aziende venete per nuove progettualità.

La stretta collaborazione tra il sistema camerale italiano ed estero con le Camere di Commercio italiane di New York, Tokyo e Francoforte e con le eccellenze dello Sportsystem quali Tecnica Group, S.C.A.R.P.A.,  Edea Skates e con il museo dello Scarpone, ha consentito di raggiungere questo risultato.

Con questo video l’Ente camerale trevigiano-bellunese rafforza la propria volontà ed impegno anche nel proporre alle imprese nuovi modi di promozione e di relazioni commerciali.

Dalla bellezza del nostro territorio nascono cose belle e la bellezza di fare impresa è anche questo: guardare avanti ed essere da esempio per nuovi modelli e relazioni nel fare  impresa.

Buona visione.

Formazione online per parlare di Sviluppo sostenibile nelle suole

Il progetto SUDEGO – Sustainable Development Goals in the Schools, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Erasmus+, pur conclusosi nel mese di gennaio 2020, ha prodotto degli output che possono continuare ad essere utilizzati anche in futuro e che trovano una forte attualitĂ  nelle modalitĂ  di fruizione, poichĂ© riguardano la Formazione online per le scuole.

Il progetto in sintesi: focalizzato su cinque (anche se di fatto, per la propria peculiaritĂ , si può estendere anche ad un sesto obiettivo: 4 – “QualitĂ  nell’istruzione”):

3 – Buona salute e benessere per tutti e per tutte le età
5 – Uguaglianza di genere
7 – Energia economica e pulita
12 – Consumo e produzione responsabili
15 – Vita sulla Terra

dei diciassette Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – SDG di Agenda 2030, ha coinvolto cinque paesi partner (Italia, Bulgaria, Finlandia, Irlanda del Nord  e Spagna) ciascuno dei quali ha agito da leader per uno specifico Obiettivo nella realizzazione di alcuni moduli didattici innovativi rivolti ai docenti delle scuole secondarie di I grado e di II grado in modo che siano facilitati nel trasmettere ai propri studenti l’interesse per questi argomenti.

Nella fase iniziale di progetto, ogni partner ha prodotto un Rapporto comparativo, in termini di azioni concrete, novitĂ  legislative, sviluppi operativi, dello stato dell’implementazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, riportando i principali risultati ottenuti nel raggiungimento dei 17 SDG nel proprio paese, e in particolare i risultati ottenuti in relazione ai 5 SDG su cui si incentra il progetto. 

Nella fase finale invece sono state prodotte delle linee guida per offrire alla comunitĂ  scolastica suggerimenti e spunti metodologici utili per valorizzare al meglio i prodotti di SUDEGO nei contesti locali. Le linee guida e i risultati del testing dei moduli nelle scuole dei cinque paesi coinvolti, sono contenuti nell’e-book di SUDEGO sul sito di progetto e gratuitamente utilizzabile.

Il corso

La piattaforma formativa di SUDEGO ospita due set di moduli didattici destinati agli studenti delle scuole superiori di primo (modulo introduttivo) e di secondo grado (modulo avanzato), fruibili, gratuitamente da professori, studenti e più in generale da qualsiasi soggetto interessato ad approfondire i 5 SGD trattati. I contenuti sono pubblicati in Italiano, finlandese, spagnolo, inglese, catalano e bulgaro. Ciascuno dei 10 moduli nei quali si compongono i due “percorsi” disponibili sono organizzati i n3 sezioni la presentazione didattica con un gruppo di slide

  • il manuale indirizzato ai docenti con il piano di lezione, un breve approfondimento sui temi della presentazione, suggerimenti metodologici e alcune referenze bibliografiche
  • il test finale rivolto, alla fine del modulo, agli studenti; contiene dieci domande chiuse ed il feedback per ciascuna risposta, che i docenti possono proporre alla fine del test.

Per accedere alla piattaforma e per maggiori informazioni clicca qui

Disponibile l’11^ edizione Rapporto annuale “L’Italia del Riciclo”

Nell’11^ edizione del Rapporto “L’Italia del Riciclo”, indagine condotta tra settembre e ottobre 2020 e rivolta ad un campione composto da imprese, consorzi di filiera, utility, associazioni di categoria e altri soggetti, promossa e realizzata dalla Fondazione Sviluppo Sostenibile e da Fise Unicircular (l’Unione Imprese Economia Circolare) con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di Ispra, risulta evidente come l’insorgere della pandemia da COVID-19 abbia impattato anche sul settore della gestione rifiuti che ha tuttavia mostrato resilienza, evitando situazioni emergenziali, assorbendo le criticità e garantendo le diverse fasi di raccolta, trattamento e riciclo.

Il Rapporto, presentato lo scorso 10 dicembre evidenzia le performance delle singole filiere nel 2019, prima dell’insorgere della pandemia, con il riciclo degli imballaggi che ha mantenuto un buon andamento ed un complessivo tasso di riciclo, che ha raggiunto il 70% sull’immesso al consumo, un livello di avanguardia in Europa.

Per quanto riguarda invece la raccolta dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e delle Pile l’obiettivo fissato per il 2019 non è stato raggiunto; così come la percentuale di reimpiego e riciclo dei veicoli fuori uso, ancora lontana dal target del 95% di recupero complessivo previsto per il 2015.

Le maggiori ripercussioni, durante la pandemia hanno riguardato:

  • la riduzione degli sbocchi esteri (chiusure e rallentamenti doganali) e di quelli nazionali per via del blocco/crisi di alcuni settori produttivi (come ad esempio l’automotive e l’edilizia) determinando di conseguenza un crollo della richiesta di materie prime riciclate e una maggiore competizione da parte delle materie prime vergini per il crollo dei loro prezzi.
  • il rallentamento e i tagli degli investimenti programmati nel settore dei rifiuti.

Per ulteriori approfondimenti, per rivedere l’evento di presentazione e per scaricare il documento completo clicca qui

Bando ISI 2020 (INAIL)

Per la realizzazione di progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Si informa che L’INAIL mette a disposizione delle imprese un plafond complessivo di 211.226.450 euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, rispetto alle condizioni preesistenti. Per il Veneto le risorse disponibili sono pari a 16.774.324 euro.

Destinatari degli incentivi:
imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio e IAA e, solo ed esclusivamente per l’Asse 2, gli Enti del Terzo Settore.

Sono invece escluse dalla presente misura di finanziamento le micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli (poichĂ© giĂ  destinatarie dell’iniziativa ISI agricoltura 2019-2020, pubblicata il 6 luglio 2020 i cui termini per la presentazione delle domande sono scaduti lo scorso 24 settembre).        

Le risorse finanziarie destinate ai progetti sono ripartite per regione/provincia autonoma e per i seguenti 4 Assi di finanziamento.

  1. Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilitĂ  sociale (sub Assi 1.1 e 1.2);
  2. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attivitĂ .

L’importo massimo erogabile è di 130.000 euro per i progetti appartenenti agli assi 1, 2 e 3, di 50.000 euro per i progetti appartenenti all’asse 4. Sull’importo delle spese ritenute ammissibili ai sensi dell’art. 9 del bando è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% e calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 130.000,00 Euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5.000,00 Euro.

Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilitĂ  sociale di cui all’Allegato 1.2 non è fissato il limite minimo di finanziamento.

Per l’Asse 4, sull’importo delle spese ritenute ammissibili è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65%. Il finanziamento è calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 50.000,00 Euro e il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2.000,00 Euro.

ModalitĂ  e tempistiche di presentazione della domanda:         
Le domande devono essere presentate esclusivamente in modalitĂ  telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:

  1. accesso alla procedura online e compilazione della domanda (sito internet www.inail.it) da effettuarsi con i tempi e le modalitĂ  indicati agli artt. 12, 13 e 14 del bando;
  2. invio della domanda online da effettuarsi con i tempi e le modalitĂ  indicati dall’art. 14 del bando;
  3. conferma della domanda on line tramite l’invio del modulo di domanda (Modulo A) e della documentazione a suo completamento da effettuarsi nei tempi e con le modalitĂ  indicati negli artt. 18 e 27 del bando.

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica, in tutte le sue fasi, saranno pubblicate sul portale dell’Istituto, nella sezione dedicata alle scadenze dell’Avviso ISI 2020, entro il 26 febbraio 2021.   

Per ulteriori informazioni ed assistenza si invita a fare riferimento al numero telefonico 06.6001 del Contact center INAIL, oppure rivolgersi al servizio INAIL Risponde, nella sezione Supporto del portale www.inail.it

Attenzione: chiarimenti e informazioni sul presente Avviso possono essere richiesti entro e non oltre il termine di dieci giorni antecedenti la chiusura della procedura informatica di compilazione della domanda on line.

Documentazione e modulistica
Avviso Bando ISI 2020 (Direzione regionale Veneto)
Allegati all’avviso e modulistica

Ai voti i Bilanci di SostenibilitĂ  di 44 imprese: tutti i consumatori possono esprimere il proprio voto

Dal 2018 il Centro Studi ConsumerLab classifica i Bilanci di SostenibilitĂ  aziendali, al fine di evidenziare le migliori pratiche e i casi di successo delle attivitĂ  non finanziarie realizzate dalle imprese.

Per questa terza edizione il Centro Studi ConsumerLab ha classificato piĂą di 1.000 Bilanci di SostenibilitĂ , sottoponendone successivamente 210 ad un gruppo di 250 Consumatori attenti e sensibili agli obiettivi di sviluppo sostenibile. Dalla valutazione dei Consumatori sono quindi stati scelti i 44 Bilanci in grado di evidenziare come le Imprese siano rispettose del futuro. Le 44 imprese saranno quindi iscritte nell’Index Future Respect 2020 entro il mese di febbraio 2021.

“Un’Impresa rispetta il futuro quando sviluppa il suo Bilancio di SostenibilitĂ  in maniera chiara ed efficace, dimostrando sensibilitĂ  al bene comune, attenzione all’interesse generale e attitudine alla coesione sociale”.

Tra le 44 imprese selezionate, vi è anche InfoCamere, società delle Camere di commercio italiane per l’innovazione digitale. Sulla base delle analisi condotte da ConsumerLab con il suo Bilancio di Sostenibilità il Gruppo InfoCamere ha dimostrato di “aver evidenziato le migliori pratiche utili alla promozione della cultura della Sostenibilità, con una efficace narrazione, coinvolgente e distintiva” testimoniando “un’impresa solida, per bene, lungimirante che merita essere apprezzata dai consumatori, genera fiducia e favorisce stili di vita responsabili”.

Si informa che sono aperte a tutti i consumatori le votazioni per la scelta del migliore tra i 44 Bilanci inseriti nell’Index Future Respect 2020 e che è possibile esprimere la propria preferenza fino al 31 dicembre 2020.

Per consultare i 44 Bilanci di Sostenibilità selezionati per l’Index Future Respect 2020 clicca qui

Per votare il Bilancio di sostenibilità preferito, tra i 44 selezionati da ConsumerLab, clicca qui e successivamente sull’icona del brand designato, indicando quindi il rating assegnato Il voto è espresso in stelle (da 1 a 5).

Per ulteriori approfondimenti sull’Index Future Respect si rimanda ai link già presenti nel testo.

Bando per la concessione di contributi per il sostegno alle giovani imprese digitali venete al fine di sviluppare servizi di “intelligenza artificiale”

La Regione del Veneto, nell’ambito degli impegni assunti con l’APQ “E-government e societĂ  dell’informazione” si propone di favorire lo sviluppo strutturale ed infrastrutturale telematico delle imprese e l’impiego delle tecnologie digitali al fine di costruire l’e-government veneto. L’iniziativa è coerente con le “Linee guida dell’Agenda Digitale del Veneto – ADVeneto2020” (DGR n. 978 del 27/06/2017) e con il programma di interventi previsti per la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda Digitale con cui la Regione del Veneto ha definito le azioni strategiche per il territorio.

I soggetti beneficiari del contributo in oggetto sono le micro, piccole e medie imprese del settore digitale costituite da persone fisiche, ovvero società con maggioranza numerica dei soci e/o degli amministratori da persone almeno under 35. Alla data di presentazione della domanda, tali imprese devono risultare iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese “Startup e PMI Innovative” presso la Camera di commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura competente per territorio ed essere “attive”.
Spese ammissibili:

  • spese per servizi infrastrutturali e per acquisto, noleggio e/o leasing di dispositivi tecnico-specialistici, attrezzature tecnologiche e strumentazione informatica funzionali alla realizzazione del progetto (hardware, storage, potenza di calcolo, ecc.) nel limite del 10% del totale dei costi, come dettagliato nel bando di riferimento;
  • canoni-costi per l’utilizzo di piattaforme cloud, tra cui le soluzioni di Intelligenza Artificiale (es. Amazon e Microsoft);
  • costi di copyright per l’acquisto di modelli e/o algoritmi sviluppati;
  • spese per supporto specialistico (consulenze di alto livello) dirette alla definizione del modello o della soluzione adottati, nel limite massimo di euro 30.000,00; e) spese per acquisizione di brevetti, licenze e software specifici di stretta pertinenza con la progettualitĂ  proposta e con l’attivitĂ  d’impresa;
  • spese del personale impiegato nella realizzazione del progetto, nel limite massimo di euro 50.000,00. Sono ammissibili i costi riferiti al personale dipendente dell’azienda anche per le altre categorie contrattuali previste dalla legge, differenti dal lavoro subordinato, solo se il personale è dedicato al progetto.

A favore di ogni domanda ammessa ai benefici di cui al presente bando è riconosciuta un’intensità massima di sostegno pari al 50% dei costi ritenuti ammissibili. Le agevolazioni previste non sono cumulabili con altre agevolazioni finanziarie pubbliche, concesse per le stesse spese di investimento e per i medesimi titoli di spesa, derivanti da altre norme/provvedimenti regionali, statali e comunitari.

La domanda di partecipazione dovrà essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato (SIU), la cui pagina dedicata è raggiungibile al seguente link: http://www.regione.veneto.it/web/programmi-comunitari/siu.

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 14:00 del 15 gennaio 2021.
Per maggiori informazioni cliccare qui

Bando regionale per l’individuazione di interventi di rimozione e smaltimento amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica

Il Bando regionale per l’individuazione di interventi di rimozione e smaltimento amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica rientra nei programmi previsti dal “Piano Operativo Ambiente FSC 2014-2020” di competenza del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nell’ambito del quale è previsto il sotto-piano “Interventi per la tutela del territorio e delle acque” che prevede il finanziamento di interventi prioritari e strategici riguardanti tra l’altro il tema “Bonifiche di aree inquinate”.

I soggetti beneficiari del contributo possono essere Enti pubblici proprietari di:

  • edifici scolastici,
  • edifici ospedalieri
  • altri edifici pubblici

in cui siano presenti dei manufatti contenenti amianto da rimuovere, con le seguenti prioritĂ :

  • edifici giĂ  inseriti nella mappatura di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 2016/2012;
  • secondo l’ordine e il grado dell’istituzione scolastica, struttura ospedaliera o altra funzionalitĂ  pubblica presente nell’edificio, come specificato in dettaglio all’art. 7 del bando).

Il contributo massimo è del 100% del costo ammissibile a finanziamento senza limite di importo. La documentazione di cui sopra dovrĂ  essere trasmessa esclusivamente all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata: ambiente@regione.veneto.it entro il 31/12/2020.

Per ulteriori informazioni cliccare qui

Scade il 31 dicembre il “bando per la concessione di contributi per l’efficientamento di impianti termici 2020” della Provincia di Treviso


Per il secondo anno consecutivo la Provincia di Treviso promuove un bando finalizzato alla riduzione del consumo di energia e dell’emissione di gas climalteranti derivanti da impianti di riscaldamento, stanziando contributi a fondo perduto per la sostituzione o conversione di impianti termici funzionanti a combustibile liquido (gasolio/olio combustibile) con caldaie a gas/gpl ad elevata efficienza energetica e a ridotte emissioni in atmosfera o sistemi ibridi (caldaia e pompa di calore).

Possono presentare la domanda per l’accesso ai contributi previsti dal presente bando:

  • proprietari o titolari di un diritto reale (usufruttuari, locatari con contratto di locazione regolarmente registrato) dell’immobile ove ha sede l’impianto termico da sostituire, destinato ad uso residenziale, terziario o produttivo;
  • nel caso di condomini, gli amministratori condominiali o un condomino delegato laddove non sia stato nominato un amministratore.

Per poter presentare la domanda di contribuzione la realizzazione degli interventi deve essere avviata e fatturata successivamente al 01/07/2020 e l’immobile presso il quale avverrà l’intervento di sostituzione deve essere ubicato nel territorio della Provincia di Treviso.


Per ulteriori informazioni si invita ad utilizzare i seguenti recapiti:
URP Provincia di Treviso Tel. 0422 656000 (Lunedì-venerdì ore 9:00 – 13:00; lunedì pomeriggio ore 15:00 – 16:30);mail: impiantitermici@provincia.treviso.it

__________________________

Altri bandi simili dal territorio ancora attivi

Bando alla concessione di contributi – interventi finalizzati al risparmio energetico e alla tutela dell’atmosfera (Comune Zero Branco)

La domanda e la relativa documentazione (preventivo dettagliato di spesa per la fornitura e installazione della tecnologia scelta e documentazione fotografica e tecnica dell’impianto esistente) dovrĂ  essere trasmessa entro il 30.11.2020 a mezzo plico raccomandato, pec o in busta chiusa consegnata a mano all’Ufficio Protocollo del Comune previo appuntamento.

Al via la seconda edizione del Premio “Innovazione sociale e sviluppo sostenibile”

per valorizzare le imprese delle province di Treviso e di Belluno che, attraverso soluzioni innovative, stanno contribuendo a generare valore, benessere sociale e benefici per l’ambiente.


La Camera di commercio di Treviso – Belluno prosegue il percorso di valorizzazione delle imprese che alimentano il nostro tessuto economico locale, incentivando l’innovazione e l’orientamento ad un’economia circolare che garantisca una maggiore sostenibilità del territorio. Al fine di dare continuità alle numerose iniziative dell’Ente a supporto della Comunità delle imprese, è stata quindi approvata la seconda edizione del Premio “Innovazione sociale e sviluppo sostenibile”.

Il Premio ha lo scopo di incentivare il tessuto economico locale ad affrontare le criticitĂ  dell’attuale modello di sviluppo economico (lineare), scegliendo un percorso di crescita piĂą virtuoso ed una visione integrata della sostenibilitĂ  diffondendo la cultura della ResponsabilitĂ  Sociale d’Impresa.

Possono partecipare al premio le imprese, di qualsiasi settore, dimensione e forma giuridica e le cooperative sociali giĂ  iscritte al Registro delle Imprese delle province di Treviso e Belluno.

Il premio è suddiviso nelle seguenti 3 categorie:

  1. Innovazione sostenibile ambientale;
  2. Innovazione sostenibile sociale;
  3. Innovazione sostenibile economica.

e sono previsti 3 premi in denaro del valore di 5.000,00 euro ciascuno da assegnare ai primi tre progetti classificati, per un plafond complessivo di 15.000,00 euro.
Non verranno accettate istanze di partecipazione riguardanti progetti che hanno giĂ  concorso alla prima edizione del Premio.

Il premio sarà assegnato da una apposita Commissione di valutazione e dovrà essere utilizzato per proseguire il processo di miglioramento virtuoso attuato o altri interventi volti all’implementazione di azioni, progetti e/o innovazioni finalizzate alla sostenibilità di una o più delle tre categorie sopra indicate.

La Commissione di valutazione potrĂ  decidere di assegnare i tre premi disponibili, indipendentemente dalla categoria di appartenenza. I premi verranno pertanto assegnati secondo i punteggi ottenuti nella graduatoria, a prescindere dalla categoria di appartenenza.

La domanda può essere presentata a partire dal 4 gennaio 2021 sino al 1 marzo 2021 (ore 12.30) corredata dalla documentazione specificata nel bando.
Per ogni ulteriore approfondimento in merito si invita a contattare i Servizi CSR – Ambiente ai recapiti di contatto.

Per scaricare il bando e la modulistica clicca qui