“Comunità Energetiche Rinnovabili”: disponibili le registrazioni degli approfondimenti andati in onda dall’11 al 21 marzo su TV7 Triveneta


Nell’ambito del progetto “Comunità Energetiche Rinnovabili” sviluppato nell’ambito del Fondo Perequativo 2021-2022 , dedicato a “La transizione energetica”, del quale è capofila l’Unione Regionale del Veneto, con la partecipazione delle Camere di commercio del Veneto ed in collaborazione con Dintec – Consorzio per l’Innovazione tecnologica delle Camere di commercio, in fase di chiusura (31 marzo 2024), da lunedì 11 a giovedì 21 marzo, con cadenza giornaliera (da lunedì a venerdì) sono andate in onda su TV7 Triveneta (canale 19), alle ore 19:45 9 pillole di approfondimento, di 12 minuti l’una, riguardanti transizione energetica e sostenibilità. Durante i video appuntamenti giornalieri sono state presentate anche alcune realtà imprenditoriali del Veneto in qualità di best practice e testimonianze aziendali.

Ogni episodio fornisce informazioni ed esempi sul tema delle Comunità Energetiche Rinnovabili e sul supporto che le Camere di Commercio venete offrono alle proprie imprese nell’approcciare questa vera e propria rivoluzione verso la sostenibilità energetica. Sono protagonisti di ogni puntata una Camera di Commercio del Veneto e un’azienda della relativa provincia che si sia distinta per innovazione e competenze nel settore energetico o per gli investimenti fatti “verso” una maggiore sostenibilità, energetica e sociale.

Le registrazioni sono disponibili cliccando sui link riportati nel seguente elenco.

Programmazione televisiva e relative registrazioni
  1. lunedì 11 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla Regione Veneto
    Ospite in studio: Mario Pozza Presidente di Unioncamere del Veneto
    Azienda protagonista: Safilo S.p.a.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Andrea Sacchetto – Ege Certificato
  2. martedì 12 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Padova
    Ospite in studio: Luca Montagnin – Camera di Commercio di Padova
    Azienda protagonista: Ard Raccanello S.p.a.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Luca Mangialino – Università degli Studi di Padova
  3. mercoledì 13 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Verona
    Ospite in studio: Nicola Baldo – Camera di Commercio di Verona
    Azienda protagonista: Farina S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Andrea Sacchetto – Ege Certificato
  4. giovedì 14 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Treviso
    Ospite in studio: Mario Pozza – Presidente Camera di Commercio Treviso – Belluno
    Azienda protagonista: Regaldrid Europe S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Andrea Grigoletto – Portavoce Community-Cer
  5. venerdì 15 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Venezia
    Ospite in studio: Siro Martin – Camera di Commercio di Venezia – Rovigo
    Azienda protagonista: Bernardi S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Luca Mangialino – Università degli Studi di Padova
  6. lunedì 18 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Vicenza
    Ospite in studio: Gianluca Cavion – Camera di Commercio Vicenza
    Azienda protagonista: la Comunità Energetica Rinnovabile del comune di Villaga (VI) realizzata con il supporto della consulenza di Novia S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Mattia Maretto – Padova Attiva Srl
  7. martedì 19 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Belluno
    Ospite in studio: Mario Pozza – Pres. Camera di Commercio Treviso – Belluno
    Azienda protagonista: Clivet S.p.a.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Andrea Sacchetto – Ege Certificato
  8. mercoledì 20 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla provincia di Rovigo
    Ospite in studio: Siro Martin – Camera di Commercio di Venezia – Rovigo
    Azienda protagonista: Soladria S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Matteo Corbo – Università degli Studi di Padova
  9. giovedì 21 marzo 2024 ore 19:45: puntata dedicata alla Regione Veneto
    Ospite in studio: Mario Pozza – Presidente Unioncamere del Veneto
    Azienda protagonista: Italchimica S.r.l.
    Rubrica bandi: Filippo Mazzariol – Unioncamere del Veneto
    Pillola con esperto CER: Andrea Grigoletto – Portavoce Community-Cer

Il progetto ha esplorato il tema delle Comunità energetiche rinnovabili (CER) sotto vari aspetti e con differenti attività. A seguire i link di approfondimento disponibili sul presente portale:

Progetto “Volontari in erba per la transizione ecologica intergenerazionale”


Finanziato dalla Regione del Veneto con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con DGR 480/23, il progetto di Legambiente si propone di mettere in campo strategie ed iniziative che possano attivare i giovani (che subiscono ancora gli effetti a lungo termine della pandemia, l’isolamento sociale e ambientale ed il recente concetto di eco-ansia) e coinvolgere gli anziani, spesso in condizione di solitudine e fragilità che, unendo le forze potrebbero quindi contribuire a contrastare gli effetti ad ampio raggio del cambiamento climatico per raggiungere i goals per lo sviluppo sostenibile 2030, in particolare per la salute e il benessere (Goal n. 3) e la promozione di azioni a tutti i livelli per combattere il cambiamento climatico (Goal n. 13) attraverso la cultura del volontariato, della cittadinanza attiva e l’implementazione delle conoscenze e stili di vita sostenibili per minimizzare gli effetti degli stravolgimenti climatici.

Le azioni del progetto verranno realizzate dai circoli locali di Legambiente Veneto in collaborazione con associazioni ed enti del territorio nelle province di Padova, Venezia, Rovigo, Verona, Treviso e Vicenza fino al mese di agosto 2024.

Approfondisci la notizia e rimani aggiornato

Fondo Perequativo 2021-2022, dedicato a “La transizione energetica”: disponibili i 19 “use case”


Il progetto “Comunità Energetiche Rinnovabili” sviluppato nell’ambito del Fondo Perequativo 2021-2022 , dedicato a “La transizione energetica”, del quale è capofila l’Unione Regionale del Veneto, con la partecipazione delle Camere di commercio del Veneto ed in collaborazione con Dintec – Consorzio per l’Innovazione tecnologica delle Camere di commercio, giungerà a termine nel primo trimestre 2024.

Nato con l’obiettivo di promuovere la nascita di Comunità Energetiche Rinnovabili, per incentivare la conoscenza del sistema produttivo (in particolare micro, piccole medie imprese) e di Istituzioni ed Enti locali del territorio sulle modalità alternative di approvvigionamento energetico ed aiutare a cogliere le opportunità derivanti dalla transizione energetica e dall’uso delle fonti di energia rinnovabile, in quest’ultima fase propone tra le attività a beneficio del sistema economico regionale, 19 “use case”, utili ad imprese ed Enti interessati ad approcciarsi alla realizzazione di Comunità Energetiche Rinnovabili.

I 19 use case
  1. CER tra un’impresa metalmeccanica e le utenze residenziali;
  2. CER tra tre aziende appartenenti a tre settori differenti (plastica, chimico e tessile);
  3. CER tra aziende agricole e utenze artigianali di medie-piccole dimensioni;
  4. un’azienda chimica come autoconsumatore individuale finanziata da una ESCo;
  5. CER tra utenze stagionali (alberghi) e utenze residenziali;
  6. CER tra tre aziende appartenenti a tre settori diversi (artigianale, chimico e alimentare);
  7. CER tra tre aziende, di cui una elettrivora, appartenenti a tre settori differenti (servizi, logistica e terziario);
  8. CER tra tre aziende appartenenti a tre settori diversi (agroalimentare, plastica e metalmeccanico);
  9. CER tra un’azienda tessile e le utenze residenziali;
  10. un’azienda operante nel settore della trasformazione alimentare come autoconsumatore individuale finanziata da una ESCo;
  11. CER tra un mix di piccoli utenti residenziali e attività commerciali;
  12. un’azienda manifatturiera come autoconsumatore individuale che si autofinanzia;
  13. CER tra tre aziende, di cui una elettrivora, appartenenti a tre settori differenti (logistica, meccanica e centro direzionale);
  14. CER tra un mix di piccoli utenti residenziali e attività commerciali con la partecipazione del comune come soggetto promotore;
  15. Porto commerciale costituito come sistema di distribuzione chiuso – SDC, con all’interno una serie di utenze;
  16. CER applicabile ad un centro commerciale, con all’interno una serie di negozi;
  17. CER condominiale;
  18. CER comunale, applicabile ad un piccolo comune al di sotto di 5.000 abitanti in cui si prevede che si assoceranno alla CER alcuni cittadini e alcune aziende;
  19. CER resort turistico.

Dall’11 al 21 marzo sull’emittente TV7 sono andati in onda 9 video con approfondimenti tematici e testimonianze aziendali con focus sulla sostenibilità e le CER.
Approfondisci la notizia

Panoramica delle imprese “al femminile” nella Regione Adriatico-Ionica – Indagine AI-NURECC Plus: invito a compilare il questionario


Unioncamere Nazionale invita a partecipare ad un’indagine che si basa sulle priorità presenti nell’Agenda 2030 e sulle indicazioni della Commissione Europea e dell’ONU in merito al sostegno all’imprenditorialità femminile.
Per meglio validare i dati che verranno ottenuti è prevista anche una ricerca documentale su fonti ufficiali (UNWTO e World Bank) per dare un punto di vista più demografico.

Si invitano le imprese femminili a compilare il breve questionario, il cui obiettivo è far emergere lo stato dell’arte dei servizi e dei supporti messi a disposizione per le imprenditrici da parte degli Enti pubblici macroregionali.

Compila il questionario

SUSTAIN-ability: Assessment di sostenibilità gratuito per imprese ed organizzazioni pubbliche


Dintec (Consorzio per l’innovazione tecnologica delle Camere di commercio) ha progettato e sviluppato, per conto di UNIONCAMERE, un assessment online per aiutare le imprese di tutti i settori economici a conoscere le proprie performance rispetto alle tre dimensioni della sostenibilità: ambientale, sociale e di governance.

Oltre ad indagare il posizionamento in termini di sostenibilità, il questionario online, della durata di circa 15 minuti, include anche una valutazione del livello di innovazione tecnologica come fattore che facilita la transizione sostenibile di un’azienda.

Lo strumento è di particolare utilità per:

  • imprese di piccole dimensioni
  • imprese che stanno iniziando ad avvicinarsi a modelli produttivi più sostenibili
  • imprese che stanno avviando percorsi di rendicontazione di sostenibilità
  • organizzazioni pubbliche interessate a conoscere il proprio posizionamento rispetto ai temi della sostenibilità al fine di favorire un dialogo più proficuo con gli stakeholder.

Attraverso un set di domande a risposta multipla, semplici e di immediata compilazione, SUSTAIN-ability restituisce un report automatico che permette alle imprese di:

  1. conoscere il livello di sostenibilità dei propri processi e attività produttive e quindi ad avere un maggiore controllo dei rischi aziendali;
  2. comunicare meglio all’esterno l’impegno nella sostenibilità perché le aiuta a conoscere i punti di forza e di debolezza; 
  3. individuare le priorità di intervento e possibili soluzioni operative per un progressivo miglioramento delle performance di sostenibilità aziendale.

SUSTAIN-ability tiene conto dei seguenti standard e i criteri:

Per maggiori informazioni 
Video Test SUSTAINabilty 
Vai al questionario

Fondo Perequativo 2021-2022, dedicato a “La transizione energetica”: presentazione del progetto veneto “Comunità Energetiche Rinnovabili”


Al via il progetto “Comunità Energetiche Rinnovabili” nell’ambito del Fondo Perequativo 2021-2022, dedicato a “La transizione energetica”, del quale è capofila l’Unione Regionale del Veneto, con la partecipazione delle Camere di commercio del Veneto ed in collaborazione con Dintec – Consorzio per l’Innovazione tecnologica delle Camere di commercio.

L’obiettivo del progetto è promuovere la nascita di Comunità Energetiche Rinnovabili (realtà fortemente sostenute dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che, nell’ambito della Componente M2C2, destina 2,2 miliardi di euro, di risorse da utilizzare tra il 2023 ed il 2026), per incentivare la conoscenza del sistema produttivo – in particolare micro, piccole medie imprese – e di Istituzioni ed Enti locali del territorio sulle modalità alternative di approvvigionamento energetico ed aiutare a cogliere le opportunità derivanti dalla transizione energetica e dall’uso delle fonti di energia rinnovabile, elemento essenziale per far fronte alla crisi energetica che stiamo affrontando.

Il progetto prevede la realizzazione delle seguenti attività:

  1. iniziative info-formative per le imprese, professionisti, Enti locali, Associazioni di categoria, con l’obiettivo di fornire informazioni aggiornate sulle CER in relazione alla normativa, alle best practice ad oggi esistenti a livello nazionale e a tutti gli strumenti giuridici, organizzativi e tecnologici disponibili per la configurazione di una Comunità Energetica Rinnovabile;
  2. use case con esemplificazioni pratiche di applicazione della CER sulle imprese operanti in contesti di interesse per il territorio (filiere, distretti, ecc.), con l’obiettivo di informare le imprese e gli stakeholder locali sulle possibili “configurazioni” che possono assumere le CER a livello territoriale;
  3. desk informativi per un confronto ristretto con le imprese, gli attori del territorio (imprese, Associazioni di categoria, Associazioni di comuni) interessati ad attivare interventi di transizione energetica con esperti;
  4. un tavolo territoriale con l’obiettivo di individuare e raccogliere i fabbisogni specifici delle imprese e degli altri stakeholder di riferimento (PA, cittadini, Associazioni di categoria, ecc.) con riguardo all’avvio di nuove Comunità Energetiche Rinnovabili sul territorio di riferimento.

Il primo webinar si terrà il 26.7.23 dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Ulteriori informazioni sul webinar del 26 luglio e link per le iscrizioni

Il materiale realizzato sarà messo a disposizione delle imprese attraverso il sito web delle Camere di commercio che partecipano al progetto e sarà realizzato un Kit di materiali informativo.

Sportello crowdfunding: servizio di assistenza gratuita per le organizzazioni del territorio


Unioncamere del Veneto, in sinergia con Fondazione Fenice (Chair del Gruppo Italiano Strategico di Eurocrowd) ed Eurocrowd (associazione europea del Crowdfunding) ha predisposto per l’anno in corso un servizio di assistenza gratuito per le organizzazioni del territorio (startup e imprese del Veneto) interessate ad approfondire la loro propensione per lo strumento del Crowdfunding – l’arte di “raccogliere denaro attraverso piattaforme digitali dalla folla = crowd”.

Il servizio proposto da Unioncamere del Veneto, si articolerà in 4 fasi:

  1. Raccolta dati presso la piattaforma di Unioncamere del Veneto
  2. Primo colloquio in collegamento streaming con Eurocrowd per verificare la potenzialità dell’idea e l’aderenza al modello (Donation, Reward, Equity o Lending oltre alle classificazioni verticali: Real Estate, Energy, Civico) più appropriato di Crowdfunding
  3. Secondo colloquio in collegamento streaming sugli aspetti finanziari con BizPlace (startup specializzata su algoritmi di previsione delle performance delle startup)
  4. Restituzione di un report finale da Parte di Fondazione Fenice

Lo sportello è già attivo.
Richiedi il servizio compilando il modulo online

Progetto LIFE – EnergyEfficiency4SME: benefici energetici per le prime 8 aziende che compilano il questionario. Prorogata la scadenza per la compilazione del questionario al 6 maggio 2023


Nell’ambito del Progetto EnergyEfficiency4SME – Accompanying SMEs in implementing energy efficiency measures, del quale Unioncamere del Veneto è partner, alle prime 8 aziende che compileranno il questionario entro il 6 maggio 2023, verrà data la possibilità di ottenere gratuitamente alcuni benefici nel campo dell’efficientamento energetico.
Candidarsi come azienda interessata a sottoporsi a degli audit gratuiti è quindi un’opportunità che consentirà di:

  • testare i servizi energetici: misurareo il consumo energetico tramite audit energetico ed avere un’analisi post audit; ricevere informazioni volte a far sviluppare anche delle capacità negli attori coinvolti;
  • migliorare le competenze dei tecnici dell’energia all’interno delle aziende aiutandole ad esempio a trasformare uno studio tecnico in una proposta strategica attraente, di migliorare il know-how per accedere agli incentivi pubblici ed ai finanziamenti privati;
  • valutare i benefici multipli dell’efficienza energetica, razionalizzare le informazioni per accedere agli schemi di finanziamento per l’EPIA, ed infine valutare lo sfruttamento dei risultati per la sostenibilità del loro progetto.

Approfondisci il progetto
Compila il questionario (in inglese)

“DIGITAL & GREEN: Impresa in transizione”: opportunità formative personalizzabili sulla base delle specifiche esigenze aziendali


Le PMI e le grandi aziende aderenti a Fondimpresa, con sede in Veneto e le risorse (quadri, impiegati e operai, apprendisti e lavoratori in cassa integrazione o con contratti di solidarietà, a condizione che ci sia una finalità di reinserimento) che hanno già effettuato un investimento economico “green” e vogliono formare le proprie risorse per implementarlo, possono partecipare alla presente iniziativa, realizzando così un progetto o un intervento di Trasformazione Digitale in ottica sostenibile, coinvolgendo le persone che si occupano di questo processo.
3 le possibilità per personalizzare il percorso formativo:

  1. Seminario interaziendale Digitalizzazione Green – 8 ore (con almeno un partecipante per azienda): ha lo scopo di approfondire il tema della “Digitalizzazione Green” e i suoi impatti organizzativi.
  2. Training/Team Coaching aziendale:
    a) Digital&Green Assessment – 24 ore (con minimo 3 partecipanti): attività finalizzata ad effettuare un’analisi della maturità digitale dell’azienda e del personale coinvolto, che riveste ruoli di responsabilità, identificando le strategie necessarie da adottare per implementare azioni specifiche (potenzialità delle piattaforme gestionali dell’azienda, raccolta dati per monitoraggio livelli di energia ecc.).
    b) Green Transition – 40 ore (con minimo 3 partecipanti): attività che ha lo scopo di favorire l’acquisizione di competenze applicate all’operatività aziendale di fronte al cambiamento digitale e sostenibile (soluzione IoT, strumenti digitali per la dematerializzazione, monitoraggio energetico dei processi ecc.).
  3. Training aziendale Digital sustainability – 24 ore (con minimo 4 partecipanti): attività che ha lo scopo di supportare le figure operative nell’acquisire padronanza delle tecnologie funzionali alla sostenibilità e/o dei sistemi gestionali digitalizzati introdotti in azienda a seguito degli investimenti fatti o previsti.

Le aziende interessate possono scegliere se aderire al progetto attraverso il regolamento 651/2014 (co-finanziamento) oppure in regime de minimis 1407/2013.

Per ulteriori informazioni
Contatti: T2i scarl – Area Formazione; Tel. 0422 1742100; E-mail: formazione@t2i.it

“ATTENTI ALLE PORTE!”: iniziativa per sensibilizzare comportamenti virtuosi, contribuendo alla qualità dell’aria

Con l’aggravarsi della crisi energetica dovuta al conflitto russo-ucraino, rilanciamo l’iniziativa “Attenti alle porte”.

Nel 2019, Unioncamere del Veneto e i Comuni capoluogo del Veneto hanno sottoscritto il Protocollo Aria (e designato il Comune di Treviso come capofila), allo scopo di condividere iniziative volte alla:

  • prevenzione,
  • riduzione e
  • contenimento

degli inquinanti atmosferici più significativi, sensibilizzando i cittadini nei confronti dei comportamenti positivi e virtuosi dei negozianti che, per la sostenibilità ambientale ed il contenimento delle polveri sottili, in un’ottica di lotta agli sprechi, decidono volontariamente di tenere le porte dei loro esercizi chiuse sia in estate che in inverno contribuendo così alla qualità dell’aria.

Contestualmente all’introduzione del Protocollo Aria il Comune di Treviso ha pubblicato il bando “Attenti alle Porte!”, per selezionare un logo allo scopo di promuovere l’iniziativa e, nel 2021 una apposita Commissione ha valutato le 22 proposte pervenute, selezionando tra queste quella maggiormente rappresentativa dal punto di vista comunicativo e visivamente armonizzata ai loghi della Regione Veneto e di Unioncamere del Veneto.

logo attenti alle porte

Tale logo potrà ora essere apposto sulle vetrine e sulle porte degli esercizi che vorranno promuovere l’iniziativa, dando un contributo concreto all’ambiente e diffondendo un messaggio importante.

La Camera di commercio di Treviso – Belluno, nel rinnovare il proprio supporto nella promozione di questo progetto di sostenibilità dell’aria, invita gli esercenti delle province di Treviso e di Belluno, ma anche Enti ed altre organizzazioni interessati ad esporre il logo “Attenti alle porte!”; è possibile ritirare le vetrofanie gratuite, richiedendo un appuntamento a: sportellocsr@tb.camcom.it entro il 31 ottobre p.v.

Per scaricare il Comunicato Stampa clicca qui